Altro

Pubblicato il 11 gennaio, 2018

0

#Pallavolo Altro – Mauro Berruto: presente, passato e futuro

L’ex-ct azzurro Mauro Berruto in una lunga intervista rilasciata al collega Doriano Rabotti per il quotidiano nazionale (Giorno, La Nazione, il Resto del Carlino) parla a tutto tondo del suo presente del suo passato e del suo futuro. Sport, politica, pallavolo e tanto altro.

Mauro da due anni dirige la celebre scuola di narrazione e comunicazione Holden, ma è pronto a tornare in campo, non obbligatoriamente quello della pallavolo che si capisce rimane il suo primo amore.

La Scuola Holden – “E’ stata una vera sfida intellettuale, che mi ha portato a contatto con mondi incredibili. A volte ero in ufficio e al piano di sotto stava facendo lezione un premio Nobel per la letteratura… Sono molto orgoglioso dei risultati anche economici ottenuti.”

La politica – Si dice che il Pd lo voglia candidare alle elezioni: “I contatti in realtà risalgono ad agosto, in mezzo è cambiata la legge elettorale e tante altre cose, sembra un’era geologica fa. Comunque vada a finire, sono onorato che abbiano pensato a me, nel caso rappresenterei davvero la società civile perché non ho mai frequentato i partiti e ho una concezione all’antica della politica, quella dell’interesse comune”. Futuro sportivo – Qualche proposta è arrivata, ovviamente dalla pallavolo, anche se quelle concrete erano tutte dall’estero, club o nazionali. Anche se mi sembra più probabile il passaggio ad un’altra Federazione. Che non è la Fidal, come è stato scritto. L’idea è progettare il biennio verso Tokyo”

Le Olimpiadi – “Io so solo che non voglio più vederle dalla tv, quindi l’importante sarà esserci, a Tokyo… Dopo l’interruzione del rapporto con la Fipav, per un anno abbondante non mi sono interessato di questioni legate al Coni. Poi il presidente Malagò mi ha invitato a parlare agli Stati Generali, e a qualcuno è piaciuto quello che ho detto. Ci sono progetti in via di definizione, avrei un ruolo sportivo legato alle Olimpiadi, ovviamente non di allenatore. Vediamo”.

Dimissioni da ct – “Sul piano del dolore personale, da uomo dovrei dire di no, perché ho dovuto rinunciare a un sogno gigantesco. Ma ho l’orgoglio di poter dire che la squadra che a Rio ha vinto l’argento era composta per nove dodicesimi da giocatori che avevano esordito con me tre anni prima, e che dopo quel caso i ragazzi coinvolti mostrarono segni di maturazione. Poi quanto sia durato non lo so, visto il caso delle scarpe di quest’estate…”

Tags:


About the Author

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.



Comments are closed.

Back to Top ↑