Pallavolo EuroVolleyM – Vadim Khamuttskikh: “Nella gara tra Russia e l’Ucraina la politica deve restare fuori dal campo”

Domani s’iniziano gli ottavi di di finale dell’Europeo maschile ed è in programma la sfida tra Russia e Ucraina, due Paesi in cui attualmente a livello politico ci sono dei rapporto molto tesi. Su quello che potrebbe accadere in campo è intervenuto Vadim Khamuttskikh, ex-regista della nazionale russa (tre medaglie olimpiche tra il 2000 e il 2008) attuale allenatore del “Belogorye” Vadim Khamuttskikh ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo, esprimendo la sua convinzione, che in campo si vedrà solo una partita di pallavolo, senza che la situazione politica influenzi il comportamento degli atleti: ““Non vedo possibile niente del genere pur dovendo giocare con giocando con l’Ucraina. Nello sport può succedere di vivere situazioni del genere A livello di risultato difficile prevedere come andranno le cose in campo. Pensando al roster ucraino voglio ricordare che metà di loro gioca in Russia e metà all’estero. I giocatori ucraini e i nostri si conoscono. Non ci sarà implicazione politica prima della partita, questo è sport. Sarà come una normale partita del Campionato Europeo. I giocatori non hanno nulla a che fare con il fatto che i dirigenti ucraini vietano ai loro atleti di comunicare con i russi. Quando si parla di sport la politica deve rimanere fuori. Molti ucraini vivono in Russia e tutti parlano russo. Spero davvero che ci sarà la solita partita combattuta del Campionato Europeo, senza una nessuna interferenza politica”- cita Metaratings.ru .