Pallavolo FIVBMensU21 – L’Italia all’assalto del Mondiale mai vinto

(Carlo Lisi per iVolleymagazine.it) Vigilia di semifinali a Cagliari, dove il Mondiale under 21 maschile vivrà domani e domenica la due giorni conclusiva. Le quattro squadre rimaste in gara: Russia e Argentina, Polonia e Italia giocheranno domani le semifinali ed a seguire domenica pomeriggio gli incontri per le medaglie. L’Italia, grande protagonista sino ad oggi del torneo iridato con 6 vittorie per 3-0, non si è mai nascosta ed ha sempre dichiarato di puntare molto in alto, sul gradino più alto del podio che molti dei ragazzi di Frigoni sono saliti nel 2019 vincendo nella categoria under 19. Mondiale under 21 (ex-Mondiale juniores) che è uno dei grandi tabù del volley azzurro, che più volte ci è andato vicino a “farlo suo” senza mai riuscirci.
Proprio nello storico “Volley 85” che riempì la Penisola nacque la generazione di fenomeni che poi avrebbe cambiato la storia della disciplina. Allora la squadra guidata da Alexander Skiba, con i suoi futuri campionissimi arrivò in finale a Milano dove venne sconfitta dalla Russia. Fu la prima medaglia italiana che poi successivamente in altre tre occasioni (Cairo 1991 dietro la Bulgaria, Rosario 1993 dietro al Brasile, Riffa 2019 dietro all’Iran).
Quest’anno i ragazzoni italiani, guidati da un tecnico di lungo corso Angiolino Frigoni, hanno la grande occasione di compiere l’impresa con una squadra piena di prospetti: dal regista Porro all’opposto Stefani ed al suo compagno di reparto Schiro, dal libero Catania, ai martelli Rinaldi, Gottardo e Magalini, ai centrali Crosato e Comparoni, che insieme al celebrato Michieletto troveremo protagonisti in SuperLega. Senza dimenticare il centrale Cianciotta e l’altro palleggiatore Ferrato che scenderanno in campo in ambiziose formazioni di serie A2.
Questi 12 ragazzi si apprestano a vivere un week end di quelli che non si scordano in cui avranno l’occasione di dare l’assalto ad un Mondiale che l’Italia non ha mai vinto.