Pallavolo A2 femminile – Il retroscena dell’arrivo di Serena Ortolani all’Omag

L’arrivo di Serena Ortolani a San Giovanni in Marignano è il colpo per diversi aspetti più importante del mercato di serie A2 femminile.
LA TRATTATIVA – Stefano Manconi, il deus ex machina (presidente e direttore sportivo) della Consolini Volley, ha raccontato la trattativa che ha portato uno dei personaggi del volley italiano degli ultimi 15 anni a giocare nel club romagnolo: “Sinceramente non mi sarei mai aspettato di poter portare Serena Ortolani da noi. In questa operazione, il mio unico merito è stato quello di avere lo scrupolo di sentire dalla sua viva voce che avrebbe smesso di giocare. Poi la fortuna è stata un po’ dalla nostra parte, legata al fatto che questa estate si trasferirà in Romagna quindi sarebbe risultato tutto più semplice. Devo poi sottolineare di essermi trovato a parlare con una persona splendida per umiltà, modestia, molto entusiasta e solare. La combinazione di questi fattori ha reso possibile e concreto il fatto che potesse realmente diventare una giocatrice della Consolini, che per la nostra società rappresenta una realtà che va molto al di là di lei come giocatrice.”
VOGLIA CHE ANCORA ARDE – “Devo dire che la mia voglia di stare in campo ancora arde – ha dichiarato l’attaccante di posto 2 – me lo hanno fatto capire ancor di più le chiamate del presidente Stefano e dell’allenatore Enrico (Barbolini ndr) poi il fatto di abitare a pochi km dal palazzetto è sicuramente un aspetto principale. Ma questo non sminuisce l’importanza della scelta. Sarà una stagione dove potrò imparare tanto, e magari trasmettere un po’ della mia esperienza alle ragazze più giovani. Le vittorie saranno sicuramente importanti, anzi fondamentali, ma sarà importante prima di tutto la crescita della squadra”.