La Igor Novara è campione d’Italia. Anche in gara 4 Fenoglio e le sue ragazze non hanno lasciato scampo alla LiuJo Nordmeccanica Modena, superata nettamente 3-0 (25-21 25-17 25-17), in un PalaPanini riempito dai canti e dai tricolori dei ragazzi del Baluardo, i tifosi novaresi. Al sesto tentativo, alla sesta finale tricolore della loro storia, la società piemontese è riuscita a conquistare il suo primo titolo nazionale. Non è sata una stagione facile per la Igor, una stagione di alti e bassi chiusa con un crescendo eccezionale nella fase più importante i play off. Una affermazione meritata da una squadra che ha dimostrato di essere compatta e completa. Con una regista di qualità come Dijkema, sostituita in una fase del campionato dalla giovane emergente Cambi; un opposto di grande potenza e classe, come Barun (forse la migliore in assoluto del complesso); due centrali, Chirichella e Bonifacio, giovani e bravissime, forti a muro e veloci in attacco, che porteranno in nazionale le loro qualità; la potenza di Plak di banda accanto alla classe senza età (e senza limiti) di Piccinini; la generosità e il coraggio del libero Sansonna. accanto a loro meritano un plauso anche tutte le ragazze della panchina: da Zannoni a Donà, da Pietersen a Barcellini, per finire ad Alberti. Nel momento del trionfo è giusto sottolineare i grandi meriti del tecnico Marco Fenoglio, al secondo scudetto della sua carriera, che ha saputo dare un bel gioco, ma soprattutto una grande anima al suo gruppo.
Modena ha fatto molto arrivando in finale, ma nelle sfide finali non ha saputo trovare continuità e alla fine ha dovuto alzare bandiera bianca.
LIU JO NORDMECCANICA MODENA – IGOR GORGONZOLA NOVARA 0-3 (20-25, 17-25, 17-25)
LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Brakocevic Canzian 7, Belien 6, Heyrman 9, Leonardi (L), Marcon, Bosetti 7, Ferretti 2, Petrucci, Ozsoy 9, Bianchini. Non entrate Valeriano, Garzaro. All. Gaspari.
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Alberti, Plak 13, Donà 1, Bonifacio 5, Chirichella 12, Sansonna (L), Piccinini 4, Dijkema 4, Zannoni, Barun-susnjar 18. Non entrate Cambi, Pietersen, Barcellini. All. Fenoglio.
ARBITRI: Puecher e La Micela.

Foto di Filippo Rubin/Lvf